A Politecnica il progetto per la più grande opera di sviluppo infrastrutturale della Sierra Leone - Legacoop Produzione Servizi
73425
post-template-default,single,single-post,postid-73425,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

A Politecnica il progetto per la più grande opera di sviluppo infrastrutturale della Sierra Leone

Modena, 7 dicembre 2018 – Il Moyamba-Moyamba Junction Roads & Bridges Rehabilitation Project è considerata la più grande opera di sviluppo infrastrutturale della Sierra Leone. Il progetto sviluppato da Politecnica è finanziato nell’ambito del 10° Fondo europeo di sviluppo (FES).

Il progetto è diviso in due fasi. La prima prevede il ripristino della strada di 32,8 km tra Moyamba e Moyamba Junction che sarà trasformata in una strada asfaltata all weather di classe 1. Questo primo intervento comprende il ripristino di due ponti, uno sul fiume Gbangbaya di 36 metri e l’altro sul fiume Yambatui di 42 metri di luce.

La seconda fase prevede la costruzione di un ponte a due corsie con una campata di 163 metri sul fiume Rokel (ponte Magbele) e di un nuovo ponte a due corsie di 231 metri sul fiume Ribi (ponte Mabang).

Il progetto contribuirà in modo significativo a rilanciare la crescita sociale ed economica del paese, grazie alla creazione di reti stradali nazionali e internazionali sicure, affidabili e sostenibili. La nuova infrastruttura servirà a ridurre i tempi di viaggio, gli incidenti e i costi operativi dei veicoli tra il distretto di Moyamba e Freetown, migliorando il collegamento stradale da Freetown a Conakry e alla Provincia del Nord attraverso la costruzione del nuovo ponte Magbele.

Per Politecnica, il Moyamba-Moyamba Junction Road and Bridges Rehabilitation Project assume infatti un valore che va oltre il semplice progetto di ingegneria. Tali opere infatti, proprio perché realizzate in aree del mondo in via di sviluppo, hanno anzitutto un valore sociale: permettendo spostamenti più agevoli, consentono lo scambio umano, stimolano le economie locali e molto spesso danno accesso a maggiori opportunità per le popolazioni locali.

In un primo momento Politecnica, seguendo le norme dei fondi EDF e le procedure UE, si è occupata di tutte le operazioni preliminari: analisi di valutazione economica, finanziaria, ambientale e sociale, fondamentali per la stesura del progetto. In questa prima fase sono stati inoltre organizzati numerosi incontri e visite programmate con lo scopo di coinvolgere tutte le comunità locali per approfondire maggiormente e conoscere le varie esigenze.

In seguito a questa prima fase terminata nel 2013 Politecnica ha assunto il ruolo di coordinamento generale dell’intero progetto e di tutti gli interpreti coinvolti, assistendo il Cliente in tutte le fasi ed occupandosi dell’intera progettazione stradale e della Direzione Lavori attualmente in corso.