Al Gruppo Camst il Premio Innovazione Smau R2B 2019 - Legacoop Produzione Servizi
75442
post-template-default,single,single-post,postid-75442,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Al Gruppo Camst il Premio Innovazione Smau R2B 2019

Parma, 7 giugno 2019 – Al Gruppo Camst è andato il Premio Innovazione Smau I R2B 2019: il riconoscimento assegnato alle realtà che hanno saputo trasformarsi per andare incontro alle rinnovate esigenze di clienti e cittadini, assegnato nell’ambito dell’evento SMAU che si svolge a Bologna il 6 e il 7 giugno.

In particolare il Gruppo Camst è stato premiato per la sua esperienza di Open Innovation per avere avviato la collaborazione con il network di MindsettER, la rete di startup dell’Emilia-Romagna supportata da Aster e dalla Regione Emilia-Romagna. Obiettivi della partnership: contribuire all’ecosistema dell’innovazione regionale ed esplorare nuove opportunità di business nell’ambito della ristorazione.

Maurizio Polverino, responsabile marketing strategico del Gruppo Camst: “Siamo molto orgogliosi di ricevere questo Premio che valorizza il nostro impegno nella ricerca di soluzioni innovative per lo sviluppo della nostra azienda all’insegna del dialogo e della partnership con realtà stimolanti e dinamiche come MindsettER”.

Foto della premiazione, al centro Maurizio Polverino responsabile marketing strategico Camst

Il progetto ha previsto l’incontro con una selezione di startup di MindsettER, di queste, una selezione di startup è stata messa in contatto con un gruppo di lavoro, per approfondire il progetto, renderlo più rispondente alle esigenze del gruppo Camst e del mercato, per poi svilupparlo. Nelle logiche dell’Open Innovation, alcune startup potranno diventare fornitrici di servizi o prodotti, o entrare nel Gruppo, e allo stesso modo Camst potrà sviluppare nuove opportunità di innovazione e di business.

 

Fonte: Parmadaily.it