Alleanza: “L’impegno della cooperazione per il futuro del Paese” - Legacoop Produzione Servizi
71329
post-template-default,single,single-post,postid-71329,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Alleanza: “L’impegno della cooperazione per il futuro del Paese”

Roma, 1 giugno 2018 – “Al nuovo esecutivo guidato dal professore Conte i nostri migliori auguri di buon lavoro. Il Paese ha bisogno di un governo stabile in grado di affrontare con serenità e determinazione i tanti, troppi, nodi irrisolti. Stiamo uscendo a fatica dalla peggiore crisi economica dal Dopoguerra a oggi, l’economia e la società italiana portano le cicatrici di un decennio di difficoltà. Gli ancora timidi segnali di ripresa necessitano di un consolidamento in grado di fare invertire la rotta in modo irreversibile”. Lo dice Maurizio Gardini presidente dell’Alleanza Cooperative.

Legalità, riduzione del costo del lavoro, politiche per la crescita e l’internazionalizzazione, il completamento delle normative sul nuovo codice degli appalti, ritardo di pagamenti della PA, lotta alle false cooperative sono solo alcune tra le principali priorità a cui chiediamo di mettere mano nei primi 100 giorni di attività del nuovo governo, misure urgenti che premono alle imprese per far ripartire la nostra economia”.

L’Italia – prosegue la nota – ha le energie per avere un ruolo di primo piano in Europa e nello scenario internazionale. Al nuovo esecutivo chiediamo di valorizzare quanto di buono e di meglio il nostro Paese ha da proporre. Dalla cooperazione italiana – conclude Gardini – la piena disponibilità a lavorare insieme, nel rispetto dei ruoli e delle responsabilità, per far crescere la competitività delle nostre imprese e la qualità della vita di tutti gli italiani”.

Durante la campagna elettorale – ricorda il copresidente dell’Alleanza Mauro Lusetti – abbiamo posto al centro dei confronti con tutti i candidati non una serie di richieste ma i progetti di ‘Cambiare l’Italia cooperando’: la roadmap della cooperazione italiana per il futuro del Paese, con cui abbiamo raccontato che cosa siamo pronti a fare e che cosa chiediamo al Governo di realizzare per accompagnare questo impegno. È questa la strada su cui continueremo ad indirizzare il confronto, a partire dagli interventi necessari a favorire l’innovazione”.