Appalti - Attivato dal MIT il Portale unico sulle gare di lavori, servizi e forniture - Legacoop Produzione Servizi
76446
post-template-default,single,single-post,postid-76446,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Appalti – Attivato dal MIT il Portale unico sulle gare di lavori, servizi e forniture

Roma, 16 settembre 2019 – Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha attivato il Portale unico per la pubblicità delle gare e dei programmi di lavori, beni e servizi, denominato Servizio Contratti Pubblici (http://www.serviziocontrattipubblici.it/).

Il Servizio contratti pubblici (SCP) del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, realizzato in collaborazione con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ed ITACA, dà attuazione agli obblighi informativi e di pubblicità previsti dal D.lgs. 50/2016 in ordine a:

  • pubblicità di avvisi, bandi ed esiti di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (articoli 29 e 73 del Codice dei contratti pubblici e Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 2 dicembre 2016);
  • pubblicità dei programmi biennali di acquisti di beni e servizi e dei programmi triennali dei lavori pubblici, nonché dei relativi aggiornamenti annuali (articolo 21 del Codice dei contratti pubblici e Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, 16 gennaio 2018, n. 14);
  • pubblicazione degli atti di cui all’art.29, comma 1, del Codice dei contratti pubblici;
  • rilevazione e pubblicazione dell’elenco anagrafe delle opere incompiute (Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 13 marzo 2013, n. 42 ).

 

SCP fornisce altresì un servizio di supporto tecnico giuridico di help desk alle stazioni appaltanti sulla disciplina dei contratti pubblici al fine di favorire uniformità di indirizzi ed evitare molteplicità di soluzioni operative (articolo 214, comma 10, del Codice dei contratti pubblici).