Attuazione del Codice dei Contratti Pubblici, varati 25 provvedimenti su 62 - Legacoop Produzione Servizi
70647
post-template-default,single,single-post,postid-70647,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Attuazione del Codice dei Contratti Pubblici, varati 25 provvedimenti su 62

Roma, 19 aprile 2018 – Continua l’avanzamento dell’attuazione del Codice dei Contratti Pubblici. A due anni dall’entrata in vigore del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 recante “Codice dei contratti pubblici”, i decreti di completamento della disciplina dei contratti pubblici sono giunti a quota 25 provvedimenti definitivi su 62 totali previsti.

Con la Gazzeta ufficiale n. 83 del 10 aprile sono arrivati, a garanzia della corretta esecuzione degli appalti pubblici, sei diversi contratti tipo di garanzia fideiussoria (DM Mise 19 gennaio 2018 su schemi tipo per garanzie fideiussorie). Dei sei schemi-tipo, tre si applicano indistintamente ai contratti di lavori, servizi e forniture. Tre sono invece dedicati in modo esclusivo al settore degli appalti di lavori: garanzia per la risoluzione del contratto; garanzia per l’anticipazione e garanzia per il buon adempimento.
Gli schemi tipo entreranno in vigore il 25 aprile prossimo.

Con la Gazzetta ufficiale n. 88 del 16 aprile sono invece arrivati altri due decreti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: il primo (DM Mit 12 febbraio 2018 su commissioni aggiudicatrici) che determina la tariffa di iscrizione all’albo dei componenti delle commissioni giudicatrici ed i compensi spettanti ai commissari; il secondo (DM Mit 31 gennaio 2018 su compensi arbitrati) che stabilisce invece i limiti minimi e massimo al cui interno la Camera arbitrale dell’Anac, su proposta del collegio arbitrale, deve fissare i compensi degli arbitri.