Bologna: un workers buyout per il rilancio della Gazzotti - Legacoop Produzione Servizi
72955
post-template-default,single,single-post,postid-72955,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Bologna: un workers buyout per il rilancio della Gazzotti

Bologna, 29 ottobre 2018 – La “Gazzotti 18 società cooperativa”, costituita da 18 ex dipendenti della società in liquidazione fallimentare, si è aggiudicata, all’asta promossa dal Tribunale di Bologna, il marchio e gli impianti della Bopar spa, già Gazzotti spa, di Trebbo di Reno. Lunedì prossimo sarà perfezionato il trasferimento del ramo di azienda con atto notarile.

La cooperativa aggiudicataria è stata costituita da 18 ex lavoratori della società in liquidazione, che hanno deciso di associarsi per portare avanti l’attività della più che centenaria azienda bolognese di parquet.

Legacoop Bologna ha supportato i lavoratori nella definizione del piano di impresa e nel reperimento delle risorse finanziarie, e continuerà a sostenere il progetto anche in futuro.

Questo risultato è frutto di un lungo percorso avviato da un gruppo di ex dipendenti che hanno scelto la forma cooperativa per salvaguardare l’occupazione – commenta Rita Ghedini, presidente Legacoop Bologna – La vicenda della Gazzotti testimonia il ruolo che l’impegno dei lavoratori, che usano la forma cooperativa, e lo spirito della comune assunzione di obiettivi e responsabilità, può, attraverso la pratica dei workers buyout, conservare lavoro e capacità produttiva per il territorio. Facciamo il nostro in bocca al lupo ai nuovi cooperatori, che ci troveranno al loro fianco nella grande sfida del rilancio della produzione e del marchio”.