Calendario 2019 dei divieti di circolazione per il trasporto merci - Legacoop Produzione Servizi
73576
post-template-default,single,single-post,postid-73576,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Calendario 2019 dei divieti di circolazione per il trasporto merci

Roma, 8 gennaio 2019 – Sul sito del Ministero dei Trasporti è stato reso pubblico il Decreto Ministeriale n. 525 contenente le direttive e il calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati nell’anno 2019 nei giorni festivi e particolari, per veicoli di massa superiore a 7,5 tonnellate (Decreto Ministeriale 525 del 4 dicembre 2018 – Calendario divieti di circolazione anno 2019).

Il Decreto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2018 (Decreto 4 dicembre 2018 relativo ai divieti di circolazione – G.U. n. 299 del 27 dicembre 2018).

I giorni con divieti sono scesi a 75 rispetto ai 78 del 2018.

Il decreto ministeriale prevede alcune novità riguardanti agevolazioni per i veicoli da e verso l’estero, la Sardegna e la Sicilia, agevolazioni per il trasporto intermodale, categorie dei veicoli e tipologie delle merci esentati, condizioni per la circolazione in deroga e procedure di autorizzazione, trasporto in regime ADR (in particolare classi 1 e 7) e porto di Genova.

Per quanto riguarda i divieti per le festività infrasettimanali, ne troviamo tre ad aprile (19 ma solo il pomeriggio, 22 e 25), il primo di maggio, uno a luglio (venerdì 26 ma solo il pomeriggio), tre ad agosto (due venerdì pomeriggio il 2 e il 9, e giovedì 15 agosto), il primo di novembre e tre a dicembre (martedì 14, mercoledì 25 e giovedì 26).

Il decreto chiarisce con maggiore dettaglio anche i criteri a cui le Prefetture dovranno attenersi nel rilascio delle autorizzazioni.

Ricordiamo che nel corso dell’anno il calendario potrebbe subire delle modifiche.

Il terzo comma dell’articolo 14 prevede infatti che “tenendo conto del protocollo d’intesa siglato tra Governo e associazioni di categoria” possa essere verificata “la possibilità di apportare modifiche e integrazioni finalizzate a contemplare i livelli di sicurezza della circolazione con misure atte a favorire un incremento di competitività dell’autotrasporto”.