Compa, il sistema PCHS alla conferenza su "Come ridurre il rischio di Ica negli ospedali" - Legacoop Produzione Servizi
70599
post-template-default,single,single-post,postid-70599,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Compa, il sistema PCHS alla conferenza su “Come ridurre il rischio di Ica negli ospedali”

Roma, 13 aprile 2018 – Si è tenuto ieri a Roma presso il Ministero della Salute un importante incontro su un tema molto sentito in ambito ospedaliero “Come ridurre il rischio di ICA negli ospedali”. Le ICA, Infezioni Correlate all’Assistenza, rappresentano un nemico insidiosissimo che si può combattere proprio a partire dal corretto svolgimento del servizio di pulizia e sanificazione.

Nel corso della Conferenza, organizzata da Zerodotfour e patrocinata dal Ministero della Salute, sono stati presentati i risultati della Ricerca Multicentrica SanIca, incentrata sulla correlazione tra l’igiene degli ambienti e la riduzione delle ICA a seguito dell’applicazione del Sistema PCHS. Il PCHS è un innovativo sistema di sanificazione ideato e messo a punto in anni di ricerca scientifica dalla cooperativa Copma di Ferrara con la collaborazione di importanti Università italiane.

“I risultati conseguiti – dicono da Copma – ci consentono di dire che, nella filiera della salute, possiamo concretamente agire con efficacia nella prevenzione e riduzione delle Infezioni Correlate all’Assistenza”.

I lavori, moderati dal giornalista Fabio Mazzeo, e introdotti da Gabriele Pelissero dell’Università di Pavia, hanno visto l’intervento di Claudio D’Amario, Direttore Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute, Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Sante Mazzacane, direttore Cias-Unife e coordinatore della ricerca SanIca, Elisabetta Castelli dell’Università di Ferrara, Silvio Brusaferro dell’Università di Udine e Carla Rognoni dell’Università Bocconi di Milano. In chiusura una riflessione di Lino Del Favero, Direttore Generale ISS.