Disappunto per l'estensione dell'obbligo di contributo all'Authority dei Trasporti contenuto nel Decreto Genova - Legacoop Produzione Servizi
73231
post-template-default,single,single-post,postid-73231,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Disappunto per l’estensione dell’obbligo di contributo all’Authority dei Trasporti contenuto nel Decreto Genova

Roma, 27 novembre 2018 – Legacoop Produzione e Servizi esprime il proprio disappunto in merito all’approvazione di un emendamento contenuto nel “Decreto Genova” (articolo 16, comma 1, Decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109) successivamente convertito nella Legge 130 del 16 novembre scorso, che, modificando la disposizione che disciplina il contributo dovuto all’Autorità di Regolazione dei Trasporti, estende di fatto l’obbligo del versamento anche alle imprese di autotrasporto.

Legacoop è intervenuta per impedire l’approvazione della norma o una sua riformulazione. Già dal 2014, in più sedi, Legacoop Produzione e Servizi, anche in consorso con altre associazioni, ha espresso le ragioni per cui il settore dell’autotrasporto è del tutto estraneo alle attività ed alle competenze dell’Autorità, ribadendo inoltre che il comparto, oltre ad essere completamente liberalizzato, è già “regolato” dall’Albo degli Autotrasportatori.

Per Legacoop Produzione e Servizi la modifica della disposizione che disciplina il contributo dovuto all’ART determina una nuova insostenibile tassa a carico degli autotrasportatori, che potrebbe portare anche all’aumento del contenzioso con l’Autorità sulle sue competenze.