Dona con Camst "un pasto sospeso” per le Cucine Popolari - Legacoop Produzione Servizi
75360
post-template-default,single,single-post,postid-75360,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Dona con Camst “un pasto sospeso” per le Cucine Popolari

Bologna, 31 maggio 2019 – Dal 20 maggio al 21 giugno nei locali del C’entro e del Bass’Otto di CAMST sarà possibile donare uno o più pasti sospesi a favore delle persone in difficoltà e contribuire in questo modo a realizzare una cena di solidarietà, organizzata con la collaborazione delle Cucine Popolari di Roberto Morgantini.

Con un semplice gesto chiunque potrà dare un aiuto concreto a chi si trova in difficoltà, regalando una occasione speciale nel segno della condivisione del cibo e della generosità verso gli altri. Non sarà necessario consumare un pasto all’interno del ristorante, la donazione potrà comunque essere effettuata liberamente.

La collaborazione con le Cucine Popolari, nasce da una condivisione di valori con Camst e da radici comuni.

Infatti la cena di solidarietà sarà organizzata entro il mese di luglio nello storico Bass’Otto, ex mensa del popolo di Bologna nel secondo dopoguerra e nel corso dei decenni diventato primo ristorante self-service italiano.

La presentazione di Dona anche un tu un pasto sospeso, raccolta fondi a sostegno delle Cucine Popolari, si è tenuta Il 20 maggio nei locali del C’entro e del Bass’otto.

A sostenere l’iniziativa, oltre al presidente di Camst Francesco Malaguti e l’ideatore delle Cucine Popolari Roberto Morgantini, gli assessori del Comune di Bologna Marilena Pillati e Matteo Lepore, il filoso Stefano Bonaga e lo scrittore e blogger Danilo Masotti.