Coopservice alla 1ª edizione degli Stati Generali del Security Management - Legacoop Produzione Servizi
73313
post-template-default,single,single-post,postid-73313,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Coopservice alla 1ª edizione degli Stati Generali del Security Management

Roma, 28 novembre 2018 – Lo scorso 22 novembre si è tenuta a Roma la prima edizione del convegno “STATI GENERALI DEL SECURITY MANAGEMENT”, con tema “Complessità di Security e Professionisti della Security” che ha visto Coopservice partecipare in qualità di relatore sui temi della security ed in particolare della formazione specializzata erogata dall’azienda del Gruppo Security&Training.

Scenari e proposte per una funzione ed una professione in continua evoluzione.

La formula è stata quella di un Convegno strutturato i due parti, una seminariale con interventi di Aziende e Istituzioni, e una accademica, con ricercatori e professionisti a proporre interessanti paper in risposta alla call ed alle tracce evidenziate in brochure.

La Security ha raggiunto una sua concettualizzazione universale di funzione trasversale per la tutela del patrimonio tangibile ed intangibile di una Organizzazione, fatto di persone, cose e dati, aprendo in tal senso a numerose discussioni su quali siano i confini, su cosa dobbiamo includere in quel patrimonio, e pertanto sull’esercizio della sua attività di tutela.

Ogni Organizzazione ha le sue complessità, in termini di processi operativi, di esposizioni da tutelare, impatti potenziali sull’ambiente interno ed esterno, cui deve corrispondere pertanto un adeguato dimensionamento della funzione di Security, ed adeguata capacità e competenza dei manager che la devono gestire.

Lo scenario è pertanto quello di una funzione sempre più evoluta, complessa e multisfaccettata, per un modello a tendere che vede sicurezza logica, fisica e organizzativa intrecciarsi e completarsi in una visione unitaria integrata ed equilibrata.

Un modello che per esser efficace e duraturo deve essere sostenuto da una architettura stabile fatta di basi normative, organizzative e culturali, ma che si scontra invece con una normativa sulla Security quasi inesistente in termini di coordinamento, un eccessivo isolamento della funzione negli organigrammi e nei processi aziendali, e continui tagli da parte di manager non sempre lungimiranti che non ne percepiscono la sua valenza strategica.

Obbiettivo del Convegno è stato quindi quello di promuovere e stimolare ragionamenti, sulla evoluzione della security come funzione strategica aziendale, del professionista della Security come figura “dimensionata” alla complessità di Security dell’Organizzazione, alle misure normative, tecnologiche ed organizzative che possano essere contributo per un modello italiano di riferimento.

Programma dei lavori

Guarda il video dell’intervento di Salvatore Fiorentino, Senior Security Manager e responsabile della linea sicurezza e vigilanza di Coopservice in occasione degli Stati Generali della Security: VIDEO Coopservice e la Sicurezza