Nasce in Sicilia la cooperativa IM&A ecology salvando diversi posti di lavoro - Legacoop Produzione Servizi
75983
post-template-default,single,single-post,postid-75983,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Nasce in Sicilia la cooperativa IM&A ecology salvando diversi posti di lavoro

Palermo, 11 luglio 2019 – Riapre a pieno regime, nella zona industriale di Marsala, la IM&A ecology “erede” della ditta Ecolmec. Si tratta dell’impresa che si occupa di costruire e di riparare mezzi mobili per l’ecologia urbana. Quasi un anno fa l’impresa Ecolmec aveva chiuso i battenti licenziando in pratica i 20 dipendenti.

Cause di natura economica avevano spinto alla chiusura, con conseguente rivalsa dei creditori. Il tribunale ha attivato la procedura fallimentare nominando un curatore. A questo punto i lavoratori, rivolgendosi allo studio di consulenza guidato da Giulio Bellan, e suo tramite alla Lega delle Cooperative, hanno deciso di costituire una cooperativa nel tentativo di salvare il loro posto di lavoro.

Ho sposato professionalmente la causa dei lavoratori che intendevano costituirsi in cooperativa- ci ha detto il commercialista – usando al meglio le norme nazionali siamo riusciti a trovare soluzioni concrete per affrontare situazioni di sofferenza. Grazie all’impegno del CdA e all’accoglienza positiva del curatore e del prefetto oggi riconsegniamo alla città di Marsala un’azienda sana ed attiva. Credo una bellissima vittoria e un segnale importante per il territorio”.

Ci siamo rivolti al giudice e al curatore per rappresentare le nostre esigenze e per avanzare alcune proposte – ci ha detto il presidente Paolo Rizzo-. Il tribunale ha attivato le procedure di legge compresa la gara prevista che ci siamo aggiudicati. Oggi ripartiamo con il nome di IM&A ecology. Non è stato semplice ma finalmente siamo arrivati, vincendo la gara di affitto, a riprendere l’attività di produzione. Dodici lavoratori ricominciano a produrre senza più pesare sul welfare dello Stato. Da non sottovalutare che con la ripresa dell’attività, ripartirà anche l’indotto”. Si sono associati alle parole del presidente anche gli altri componenti del c.d.a., Guido Ruggieri e Giovanni Bertolino, che oltre a ringraziare lo studio Bellan e la Lega delle cooperative, hanno ricordato come la Prefettura sia stata loro di sostegno. Legacoop era presente ai suoi massimi livelli, rappresentata dal presidente regionale Filippo Parrino. Presente anche il presidente della Camera di Commercio Pino Pace.

Secondo gli intervenuti, oltre alla tanta consapevolezza di avere raggiunto un grosso obiettivo, si è sottolineato che la forte competenza dei soci non soltanto permetterà la costruzione di mezzi all’avanguardia nel mercato settoriale, ma consentirà interventi su attrezzature di altre case produttrici permettendo così di avere nell’intera Sicilia un punto di riferimento per un’assistenza tempestiva per le attrezzature delle società impegnate nel settore della raccolta dei rifiuti. Da quanto si è appreso non appena giunta la notizia della riapertura della società sono già arrivate le prime commesse. Presenti anche diversi esponenti delle istituzioni marsalesi. Il vice sindaco Agostino Licari che ha portato i saluti del sindaco impegnato fuori sede, diversi assessori e in rappresentanza del Consiglio comunale, il presidente Enzo Sturiano.

Fonte