Nasce Legacoop Produzione e Servizi Marche - Legacoop Produzione Servizi
71338
post-template-default,single,single-post,postid-71338,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Nasce Legacoop Produzione e Servizi Marche

Ancona, 4 giugno 2018 – Il lavoro di innovare. Nasce con questa filosofia Legacoop Produzione e Servizi Marche, l’associazione che unisce, come già avvenuto a livello nazionale, le cooperative di produzione e lavoro con quelle di servizi, per un totale di 91. La fusione è avvenuta durante l’assemblea congiunta che si è svolta nella Sala di Confidicoop Marche ad Ancona lo scorso 29 maggio.

Hanno partecipato l’assessora regionale alle Attività produttive, Manuela Bora, il direttore nazionale di Legacoop Produzione e Servizi, Fabrizio Bolzoni, il presidente di Legacoop Marche, Gianfranco Alleruzzo, il coordinatore di Legacoop Marche, Fabio Grossetti, e il responsabile settore Produzione e Lavoro Legacoop Marche, Massimo Lanzavecchia. Hanno portato la loro testimonianza di imprenditori-innovatori il presidente della cooperativa Idea, Gianluca Di Buò, e Nello Pucillo, senior partner di Wepower srl.

Le 41 cooperative di produzione e lavoro hanno 453 soci, con 792 addetti e un fatturato di 79,4 milioni di euro, attive nell’industria, nelle costruzioni e nella progettazione. Le 50 cooperative di servizi, con 582 soci e 1.122 addetti, hanno un fatturato di 87,6 milioni di euro, realizzato nei settori di movimentazione merci e logistica, trasporti, attività professionali, servizi, gestione musei e impianti sportivi. La nuova associazione ha, perciò, 1.035 soci e 1.914 addetti, con un fatturato complessivo di 167 milioni di euro.

Fra le prossime sfide per le cooperative di produzione e servizi, è stato sottolineato nell’assemblea, quella dell’innovazione e della trasformazione digitale tramite la creazione di un Digital innovation hub cooperativo, per sensibilizzare e formare le imprese su questi temi, in rapporto con Università e centri di ricerca. Sempre nel campo della formazione, per i dirigenti delle cooperative che aderiscono a Legacoop Marche comincerà il 5 giugno un percorso di crescita professionale sui temi della cooperazione e dello sviluppo economico e sociale. Fra gli impegni da portare avanti per questi settori, inoltre, c’è quello della lotta alla corruzione, l’affrontare le criticità della riforma del Codice dei contratti pubblici oltre al coinvolgere sempre più le associate migliorando anche l’offerta dei servizi: Rete nazionale servizi di Legacoop, Carta dei servizi associativi, contratto di rete tra centri servizi, come Marche Servizi, riferimento per Legacoop Marche.