Nota dell'ANCI sull'obbligo dal 18 ottobre di comunicazioni elettroniche nelle gare d'appalto - Legacoop Produzione Servizi
72856
post-template-default,single,single-post,postid-72856,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Nota dell’ANCI sull’obbligo dal 18 ottobre di comunicazioni elettroniche nelle gare d’appalto

Roma, 25 ottobre 2018 – In una nota del 19 ottobre l’ANCI offre dei chiarimenti in merito all’obbligo, entrato in vigore il 18 ottobre, per tutte le stazioni appaltanti, di utilizzare mezzi di comunicazione elettronica nelle comunicazioni e negli scambi di informazioni all’interno delle procedure di gara.

L’ANCI specifica nella nota che tale obbligo, previsto dal comma 2 dell’articolo 40 del Codice Appalti, impone alle stazioni appaltanti “di utilizzare idonei strumenti informatici per la trasmissione e ricezione della documentazione di gara, ma non vi sia alcun obbligo di ricorso alle procedure telematiche”. Quindi, anche dopo il 18 ottobre, si potranno presentare le offerte “all’interno della busta chiusa, sigillata e controfirmata” sostituendo però i documenti cartacei con supporti informatici (cd o chiavette), purchè questo, “trattandosi di una deroga”, sia ben motivato dalla stazione appaltante.

Nota ANCI su utilizzo comunicazioni elettroniche nelle procedure di gara – 19 ottobre 2018