Premio Camst 2018 "Parole che creano futuro": valorizzare realtà virtuose e buone pratiche nel settore food - Legacoop Produzione Servizi
73279
post-template-default,single,single-post,postid-73279,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Premio Camst 2018 “Parole che creano futuro”: valorizzare realtà virtuose e buone pratiche nel settore food

Bologna, 27 novembre 2018 – Si sono svolte il 15 novembre a Fico Eataly World le celebrazioni del Premio Camst, evento giunto alla seconda edizione, dedicato alla valorizzazione delle realtà virtuose e delle buone pratiche nel settore food.

Durante la serata sono stati illustrati agli stakeholder del Gruppo bolognese di ristorazione e facility management gli obiettivi del piano strategico 2019-2021 che fissano a 1 miliardo di euro i ricavi previsti al 2021, con un incremento di fatturato pari a 250 milioni di euro rispetto ai 750 milioni di euro di ricavi del 2017.

Presentiamo un piano strategico ambizioso – sottolinea il Direttore Generale Camst Antonio Giovanetti -, un piano che nei prossimi tre anni definirà in maniera sempre più netta l’identità del Gruppo. Una realtà imprenditoriale solida, a capitale italiano, che forte dei suoi settant’anni di storia, non smette di innovarsi per valorizzare la cultura del cibo e la qualità dei servizi globali in Italia e in Europa”.

Tra gli ospiti sul palco il Prof. Marco Frey – docente di Economia e gestione delle imprese dell’Università Sant’Anna di Pisa, presidente del Global Compact e della Fondazione Global Compact Network Italia – che è intervenuto sulla relazione virtuosa tra imprese e comunità e sull’importanza della condivisione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

A parlare di progetti di sviluppo sostenibile, Simone Gozzi, Resp. Sistemi Integrati e Nutrizione, che ha presentato Life EFFIGE, il progetto europeo che ha lo scopo di misurare l’impronta ambientale (PEF – Product Environmental Footprint).

L’evento è proseguito con il lancio di “Dialogue for change”, progetto Camst per la creazione di nuove forme di partnership ad alto valore innovativo tra aziende e realtà associative, impegnate in attività di sviluppo sostenibile nell’ambito degli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Questa serata rappresenta per Camst un momento importante – commenta Francesco Malaguti, Direttore acquisti Camst. – Segna l’avvio di un percorso nuovo, che guarda alle sfide del futuro con la responsabilità di un’azienda consapevole, al centro di una rete articolata di soggetti e realtà in relazione costante. Ed è proprio con questa consapevolezza che abbiamo dato vita a “Dialogue for change”, un progetto che vuole riconoscere ancora più valore a questa rete, creando occasioni di sviluppo innovativo e sostenibile, per lasciare un mondo migliore alle generazioni di domani”.

Il Premio Camst, giunto alla seconda edizione, è stato assegnato al Future Food Institute di Sara Roversi per la “condivisione dell’approccio all’innovazione, l’attenzione verso i temi della sostenibilità e la grande capacità di ispirazione e contaminazione positiva, di ricerca e esplorazione nel mondo del food”.