Ripartizione risorse per l'autotrasporto, 240 mln l'anno nel triennio 2019-2021 - Legacoop Produzione Servizi
74995
post-template-default,single,single-post,postid-74995,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Ripartizione risorse per l’autotrasporto, 240 mln l’anno nel triennio 2019-2021

Roma, 4 aprile 2019 – Si è svolto lo scorso 2 aprile l’incontro tra i rappresentanti del Governo e delle Associazioni di categoria dell’autotrasporto inerente la ripartizione delle risorse destinate al settore dalla Legge di Bilancio 2019, che ha previsto 240 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2019-2021.

Dopo una lunga discussione fra le Associazioni e il Gabinetto del Ministro e i dirigenti del Ministero si è giunti a una nuova ripartizione e si è proceduto in modo equilibrato a suddividere le risorse strutturali valide per ciascun anno del triennio 2019-2021.

L’allocazione delle risorse sarà la seguente:

  • Deduzione forfetaria delle spese non documentate: 70 milioni
  • Finanziamento per Formazione professionale: 5 milioni
  • Contributi per investimenti: 25 milioni
  • Riduzione compensata dei pedaggi autostradali: 140 milioni

 

I rappresentanti del Ministero dei Trasporti hanno inoltre informato che sono già stati individuati ulteriori 20 milioni di euro da destinare alle deduzioni forfetarie e quindi. per garantire, anche per l’anno 2019, gli importi in continuità con quanto deciso l’anno scorso dal Governo e si sta valutando il primo decreto utile dove inserire ufficialmente questo ulteriore e contributo.

Il Vice Capo di Gabinetto del Ministro dei Trasporti ha annunciato inoltre il via libera del Ministero dell’Economia ad ulteriori 100 milioni di euro destinati al Fondo pluriennale per il rinnovo del parco veicolare merci, che permetterà di aumentare in maniera consistente la dotazione complessiva per l’acquisto di veicoli a basse emissioni e più sicuri, con possibilità anche di essere incrementate nel corso degli anni.