Roberto Davoli è il nuovo Vicepresidente di CMB - Legacoop Produzione Servizi
75356
post-template-default,single,single-post,postid-75356,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Roberto Davoli è il nuovo Vicepresidente di CMB

Carpi, 30 maggio 2019 – Il Consiglio di Amministrazione di CMB, eletto dall’Assemblea dei Soci lo scorso 25 maggio, ha confermato Carlo Zini nella carica di Presidente ed Emiliano Cacioppo in qualità di Consigliere Delegato. Roberto Davoli, la cui presenza in Consiglio risale al 1992 e dal 2011 dirige la Divisione Centrale, è stato nominato Vice Presidente, subentrando in tale carica a Ruben Saetti.

Davoli è nato a Correggio 57 anni fa; nel 1987 – appena concluso il corso di laurea in ingegneria civile – viene assunto in CMB come assistente tecnico di cantiere fino a diventarne Direttore Tecnico nel 1996, per poi dirigere la più importante Divisione operativa. In tempi più recenti ha legato il suo nome alla realizzazione dell’ultimo tratto dell’Autostrada Salerno – Reggio Calabria, in qualità di Presidente del general contractor Italsarc.

Il neoeletto Vice Presidente ha commentato con queste parole la scelta del Consiglio di Amministrazione. “Sono onorato e orgoglioso di questa nomina: per questo ringrazio tutti i soci per la stima che, dopo tanti anni, continuano ad esprimermi. Penso che questo incarico sia il riconoscimento di 32 anni di lavoro in CMB, portato avanti con i valori che da sempre ci contraddistinguono: impegno, competenza, serietà e onestà. Caratteristiche che ancora oggi guidano la nostra impresa verso le nuove sfide che ci aspettano per gli anni futuri.
Fra queste voglio ricordare la partenza a giugno del mega-cantiere dell’Ospedale di Odense in Danimarca, la prima grande sfida all’estero di CMB dagli anni Novanta. Sarà un progetto che vedrà la nostra impresa coinvolta per oltre tre anni in uno sforzo progettuale, tecnico, organizzativo e logistico inusuale, che prevede anche il coinvolgimento di collaboratori internazionali e fornitori provenienti da diversi Paesi europei.
Tornando più vicini alla terra che diede i natali a CMB oltre 110 anni fa e in cui la cooperativa mantiene ben saldo il proprio quartier generale, posso dire che sempre a giugno a Modena prenderanno avvio i lavori di un innovativo progetto di social housing, che interesserà l’area di Vaciglio. Si tratta di un’iniziativa di trasformazione urbana di cui da tempo si parla, con abitazioni dal concept progettuale moderno, adeguate ai più elevati standard di qualità e sostenibilità ambientale, che verranno date in parte in locazione a prezzi contenuti, in particolare a giovani coppie e studenti universitari, e in parte vendute a prezzi convenzionati.
Infine non posso esimermi dal partecipare al dibattito in corso in questi giorni sulla realizzazione di un nuovo ospedale a Carpi: un’infrastruttura sociale che qualifica il territorio, tanto attesa dai cittadini. Spero di vederlo realizzato nei prossimi anni e sarei orgoglioso di poter mettere a disposizione l’esperienza finora maturata seguendo la realizzazione di oltre 20 ospedali in Italia.”