Sblocca cantieri: Legacoop Produzione e Servizi, più ombre che luci nelle bozze del decreto approvato in Consiglio dei Ministri - Legacoop Produzione Servizi
74799
post-template-default,single,single-post,postid-74799,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Sblocca cantieri: Legacoop Produzione e Servizi, più ombre che luci nelle bozze del decreto approvato in Consiglio dei Ministri

Roma, 22 marzo 2019 – “I contenuti delle bozze circolate finora del decreto sblocca-cantieri, approvato mercoledì in Consiglio dei Ministri, non sono all’altezza delle anticipazioni del Governo”. A sostenerlo è Carlo Zini, Presidente di Legacoop Produzione e Servizi, che sottolinea come “mancano le norme chieste dalla Commissione Europea sul subappalto e vengono soppresse norme a tutela della qualità delle offerte che cominciavano a produrre i primi risultati, rischiando così di ritornare alle logiche del massimo ribasso”.

Male -a giudizio di Zini- anche l’assenza di misure volte a facilitare l’accorciamento dei tempi per la risoluzione dei contenziosi”.

Uniche luci -secondo il Presidente di Legacoop Produzione e Servizi- il ripristino di un decreto unico di attuazione del Codice dei Contratti Pubblici, la soppressione dell’obbligatorietà dell’indicazione della terna dei subappaltatori in gara e alcune semplificazioni in materia di programmazione e finanziamento delle opere pubbliche: un po’ poco per rispondere alla situazione eccezionale che stiamo vivendo”.