Taxi-NCC, le Associazioni chiedono al Ministro apertura urgente di un tavolo di confronto - Legacoop Produzione Servizi
72533
post-template-default,single,single-post,postid-72533,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Taxi-NCC, le Associazioni chiedono al Ministro apertura urgente di un tavolo di confronto

Roma, 1 ottobre 2018 – Legacoop Produzione e Servizi, insieme alle altre associazioni del trasporto persone Taxi e NCC (Cna Fita Trasporto Persone – Confartigianato Trasporto Persone – Sna Casartigiani – Silt – Confcooperative Lavoro e Servizi – Legacoop Produzione e Servizi – Unica Filt Cgil – Uri – Uritaxi – Anc Trasporto Persone – Anitrav – Fai Trasporto Persone – Fion) hanno diffuso un comunicato stampa congiunto con il quale chiedono ancora una volta l’urgente apertura di un tavolo per un confronto tra il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli e le organizzazioni del Trasporto pubblico non di linea.

Di seguito testo del comunicato:

E’ urgente l’apertura di un tavolo per un confronto tra il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli e le organizzazioni del Trasporto pubblico non di linea.

Questa la richiesta delle diverse rappresentanze tanto del mondo dei taxi che quello del noleggio auto con conducente che ribadiscono quanto già avanzato sin dall’inizio della legislatura al Governo ed i ministeri competenti.

In assenza di una normativa nazionale sull’intermediazione telematica da parte di soggetti estranei alla categoria come nel caso delle multinazionali ed una corretta regolamentazione a salvaguardia degli operatori autorizzati dai Comuni italiani si continuano a generare tensioni sociali ed inutili contenziosi a danno degli operatori dello stesso erario.

Con il mancato riordino normativo si assiste inermi alla continua infiltrazione di soggetti diversi da quelli autorizzati, accentuando così, ogni giorno, problematicità, a scapito della stessa sicurezza dei cittadini utenti.

Ecco perché ci aspettiamo una immediata convocazione ed una rapida regolamentazione che arresti il fenomeno.

Comunicato stampa unitario