Appello delle Associazioni datoriali e delle parti sociali dell'edilizia al Presidente del Consiglio - Legacoop Produzione Servizi
79266
post-template-default,single,single-post,postid-79266,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Appello delle Associazioni datoriali e delle parti sociali dell’edilizia al Presidente del Consiglio

Roma, 5 maggio 2020 – Appello delle Associazioni datoriali (Ance, Alleanza delle cooperative Produzione e Lavoro, Anaepa Confartigianato, Cna Costruzioni, Casartigiani, Confapi Aniem) e delle parti sociali dell’edilizia (Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil) al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sulla “fase 2” dell’emergenza coronavirus. 

 

Egregio Presidente,

lunedì 4 Maggio si sono riavviati migliaia di cantieri pubblici e privati, grandi e piccoli, nel rispetto rigoroso dei protocolli sottoscritti tra le parti sociali e recepiti nel DPCM del 26 Aprile ultimo scorso.

Noi crediamo fermamente che la salute di chi entra in cantiere sia la priorità e tutto il nostro sistema bilaterale e delle relazioni industriali si è impegnato attivamente nel conseguimento di questo obiettivo.

Per questo chiediamo di non lasciare soli i lavoratori e gli imprenditori dando indicazione a tutte le stazioni appaltanti pubbliche, come anche previsto dal Codice degli Appalti, e a tutti i committenti privati di adeguare immediatamente i contratti di appalto in essere e prevedere costi per la sicurezza adeguati per i bandi e i contratti futuri e in via di assegnazione. Per salvaguardare le imprese e tutelare l’occupazione occorre pagare subito i debiti arretrati (ancora 6 miliardi solo nel nostro settore), anticipare il più possibile i pagamenti, assicurando il saldo anche in anticipo dei prossimi SAL, riconoscendo i maggiori costi per la sicurezza e la tutela della salute e aggiornando gli importi in virtù di una produzione che, per rispettare le disposizioni stesse, non potrà che avere tempi di lavorazione e consegna più lunghi.

Vi sono al riguardo esempi positivi in queste ore da parte di alcune stazioni appaltanti: chiediamo che tale scelta valga per tutti i cantieri.

Confidando nel comune senso di responsabilità, porgiamo distinti saluti

 

Appello filiera costruzioni al Presidente del Consiglio – 5 maggio 2020

Rassegna Stampa Appello Edilizia – 6 maggio 2020