Cefla C-LED collabora con l’Università di Pisa per uno studio sull’uso delle lampade Led in agricoltura - Legacoop Produzione Servizi
76799
post-template-default,single,single-post,postid-76799,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Cefla C-LED collabora con l’Università di Pisa per uno studio sull’uso delle lampade Led in agricoltura

Imola, 25 ottobre 2019 – La collaborazione dell’Università di Pisa con Cefla C-LED per uno studio sull’uso delle lampade Led in agricoltura consente ai gruppi di ricerca di poter utilizzare lampade con spettri specifici in base ai risultati che si vogliono raggiungere, sia durante la coltivazione sia nella fase di raccolta, che portano un miglioramento dell’efficienza energetica rispetto ai sistemi di illuminazione tradizionali.

In questo studio particolare lo spettro luminoso fornisce radiazioni UV, utili alla crescita della pianta, tenendo in considerazione il fatto che i materiali utilizzati per la costruzione di serre e tunnel solitamente schermano tali emissioni. L’ottimizzazione di tale spettro luminoso diviene interessante per reintegrare tali radiazioni, evitando dosi eccessive di ultravioletti che sono invece potenzialmente dannosi.

La ricerca di C-LED e dei centri accademici di ricerca di Pisa, è inoltre tesa allo studio delle lampade a Led utilizzate come unica sorgente di luce in fase di propagazione durante la fase vivaistica per produrre piante ornamentali da seme di alta qualità, in grado di resistere alla crisi di trapianto e altresì ridurre i tempi di produzione e migliorare le performance energetiche.

Per quanto riguarda la fase di coltivazione degli ortaggi, la valutazione degli effetti dell’illuminazione Led sulla produzione, in termini quantitativi e qualitativi, è effettuata nell’ambito dell’attività di ricerca che prevede la sperimentazione su ortaggi da foglia (lattughe da cespo, basilico, ecc.) fuori suolo, durante il periodo invernale, per migliorare la coltivazione destagionalizzata.