CNS, dopo tre anni le campane del Comune di Muccia sono tornate a suonare - Legacoop Produzione Servizi
76807
post-template-default,single,single-post,postid-76807,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

CNS, dopo tre anni le campane del Comune di Muccia sono tornate a suonare

Muccia, 28 ottobre 2019 – Dopo tre anni dal tragico terremoto del 2016 le campane del Comune di Muccia (Macerata) sono tornate a suonare.

Il 25 ottobre, nell’area SAE Pian di Giove si è svolta l’inaugurazione della nuova Chiesa di San Biagio, donata dal Consorzio Nazionale Servizi al Comune.

Una giornata di festa che ha coinvolto tutta la comunità di Muccia, un taglio del nastro particolarmente sentito dalla popolazione, un momento forte, di serenità, di speranza, per una comunità che ha tanto sofferto e che vede finalmente un luogo di aggregazione.

Per il Sindaco Mario BaroniE’ stato un giorno di festa, che ha coinvolto tutta la nostra gente, è un ritorno alle radici in un vero luogo di culto, fino a ieri tutte le funzioni si svolgevano all’interno di un container destinato alla mensa per gli sfollati. Da oggi si riparte, una comunità priva di questi segni rischia di sgretolarsi. Il suono della campana sarà un richiamo, per la preghiera ma anche per la socialità.”

Per il Responsabile CNS dell’appalto SAE Francesco CantarellaE’ stata una giornata bellissima, siamo veramente contenti di aver mantenuto la promessa fatta al Sindaco e di aver donato un luogo di aggregazione così importante per la popolazione. Tutte le nostre imprese e i fornitori si sono impegnanti per consegnare il prima possibile la nuova Chiesa. La collettività, le radici, il territorio sono da sempre al centro dello scopo mutualistico del CNS.”

La cerimonia di consacrazione è stata officiata da Mons. Francesco Massara– Arcivescovo di Camerino, alla presenza del Commissario Straordinario di Governo alla ricostruzione per le zone del terremoto Piero Farabollini.

Il CNS ha contribuito per il 50% alla realizzazione della chiesa, la parte restante è stata coperta da imprese socie e fornitori: Briganti, Conscoop. Cosp Tecno Service Eulero Engineering, Kineo Energy e Facility, L’Internazionale.