Copma: inaugurata la nuova sede nell’anno in cui la cooperativa ferrarese spegne 50 candeline

Ferrara, 12 ottobre 2021– Si è tenuta il 25 settembre l’inaugurazione della nuova sede di Copma, società cooperativa ferrarese leader nel settore delle sanificazioni. Hanno preso parte alla cerimonia di inaugurazione, oltre ai vertici dell’azienda, il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, L’Assessore al Bilancio del comune di Ferrara Matteo Fornasini, il Presidente di Legacoop Estense Andrea Benini e l’Arcivescovo di Ferrara Gian Carlo Perego. Anche il Ministro dell’istruzione, Patrizio Bianchi, ha inviato un suo contributo video che è stato proiettato nel corso della conferenza.

La nuova sede, inaugurata proprio nell’anno in cui ricorre il 50 esimo anniversario della cooperativa, rappresenta di fatto un ampliamento di quella esistente, con la realizzazione di circa 50 nuove postazioni di lavoro distribuite in uffici modulabili ed openspace, oltre a sale riunioni ed un auditorium da 90 posti che ha ospitato l’evento di inaugurazione. Il nuovo edificio è stato interamente realizzato secondo i più moderni standard in termini di efficientamento energetico e riduzione dei consumi, con l’installazione di pannelli solari, soluzioni domotiche e rilevatori di presenze che consentono di ottimizzare l’utilizzo di corrente elettrica e permettono un controllo di gestione anche da remoto. Le vetrate dell’edificio presentano frangisole elettrificati per ridurre l’impatto dei raggi solari e di conseguenza diminuire l’utilizzo dei sistemi di condizionamento.

La cerimonia si è aperta con il concerto della Banda Filarmonica Ludovico Ariosto della Città Di Ferrara. Dopo la benedizione dell’Arcivescovo Perego c’è stato il taglio del nastro alla presenza di tutte le autorità e della Presidente della Cooperativa Silvia Grandi. Nell’auditorium si è poi svolta la conferenza di presentazione.

“Oggi inauguriamo la nostra nuova casa nell’anno in cui la nostra cooperativa festeggia i 50 anni di attività – Ha dichiarato Silvia Grandi, Presidente di Copma – La nostra azienda si è sempre distinta sul mercato per la qualità dei servizi offerti e per gli investimenti in ricerca e innovazione. Festeggiamo questi primi 50 anni di duro lavoro dopo aver creato un patrimonio economico e umano di grande valore. Festeggiamo con una serie di iniziative ispirate dai principi cooperativi: attenzione all’ambiente, alla comunità e ai nostri collaboratori. Abbiamo attivato alcune iniziative sociali e culturali, come il restauro di vari luoghi di Ferrara. Inoltre abbiamo voluto dare un messaggio per quanto riguarda la violenza sulle donne e i femminicidi. Abbiamo realizzato, insieme a Poste Italiane, un annullo filatelico che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi. Un’opportunità di riflessione per una società migliore.  Dobbiamo essere consapevoli che divisi siamo niente e uniti siamo tutto”.

L’edificio è stato progettato e realizzato seguendo due obiettivi: garantire il massimo comfort per i nostri collaboratori e ridurre il più possibile i consumi e l’impatto ambientale della nostra sede. Attenzione nei confronti dei nostri dipendenti e dell’ambiente sono infatti i valori fondanti dell’attività della nostra cooperativa, che nel corso dei suoi 50 anni di attività ha investito molto in termini di formazione delle risorse e in ricerca e sviluppo, con l’obiettivo di realizzare prodotti efficaci e sostenibili”.

In particolare Copma, nel corso della sua storia, ha ideato e sviluppato il PCHS®, un innovativo sistema di sanificazione basato sulla biocompetizione molto più efficace dei normali disinfettanti chimici e molto più ecologico.

“Come Regione abbiamo messo in campo un impegno molto forte a favore della riconversione ecosostenibile e tecnologica del nostro settore produttivo – Dichiara Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna– Con l’inaugurazione di oggi, siamo di fronte a un altro esempio positivo: una realtà radicata nel territorio che investe nella transizione ecologica, a partire dalla propria sede. Il suo luogo più identitario. Dopo un anno e mezzo di drammatica pandemia, l’Emilia-Romagna sta ripartendo più veloce e più forte del resto del Paese, con l’obiettivo condiviso nel Patto per il Lavoro e per il Clima sottoscritto con le parti sociali di una crescita sostenibile e di creare nuova occupazione di qualità. Il nostro ruolo, come istituzione, è quello di aiutare gli imprenditori e garantire un modello improntato all’inclusione, alla solidarietà e alla tutela dei diritti, tratti caratteristici di questa terra da sempre”.

Nata a Ferrara nel 1971 come cooperativa orientata alla fornitura di servizi a società e aziende pubbliche e private, nel corso della sua storia Copma si è affermata come una delle principali realtà sul territorio emiliano e tra i leader nazionali nel campo delle pulizie e della sanificazione di ambienti in grandi comunità, occupandosi anche di manutenzione, progettazione e realizzazione di aree verdi, disinfestazione, pulizia e sanificazione di impianti per il trattamento dell’aria. L’azienda oggi impiega circa 1700 dipendenti sull’intero territorio nazionale di cui l’83% è rappresentato da donne.

“La nuova sede di Copma è in qualche modo il segno fisico di un importante traguardo raggiunto, quello dei 50 anni. Buon compleanno quindi a questa importante cooperativa ferrarese, con l’augurio che la storia aziendale possa proseguire a lungo, con successo, soddisfazioni per chi vi lavora e tanti obiettivi raggiunti e da raggiungere, nel segno dei solidi valori della buona cooperazione – Dichiara l’Assessore del Comune di Ferrara Matteo Fornasini -. Copma è una realtà che si distingue a livello nazionale e che è attiva su diversi territori, ma che ha mantenuto salde le sue radici, dimostrando nei fatti l’attaccamento a Ferrara e il desiderio di contribuire alle opere e alla vita della comunità. Ricordo, a questo riguardo, i fondi stanziati per il finanziamento dei lavori, ormai imminenti, al giardino di Palazzo Schifanoia e per il restauro del teatro anatomico di Ferrara, completato ad agosto. E’ questa l’occasione, quindi, non solo per congratularsi con la dirigenza e i lavoratori per questi 50 anni e per la nuova sede, ma anche per ringraziarli di questi importanti contributi, che sono segni concreti e nobili di una presenza viva, attiva, coinvolta e partecipe della vita della nostra città”.

Questi primi 50 anni di storia sono una tappa significativa per Copma e, come dimostra questa inaugurazione, sono un punto di partenza per raggiungere nuovi traguardi – Afferma Andrea Benini, Presidente di Legacoop Estense – Di strada ne è stata fatta molta, da quando nel 1971 dieci soci, di cui otto donne, decisero di fondare una cooperativa per dare opportunità di lavoro e giusta retribuzione in un settore, quello delle pulizie e manutenzioni, in cui i lavoratori erano spesso sfruttati da agenzie private. Se oggi siamo qui ha festeggiare, è grazie alla capacità che la cooperativa ha avuto, negli anni, di costruire un patrimonio intergenerazionale da trasmettere ai soci futuri, insieme alla capacità di rinnovarsi e innovare, proponendo servizi e prodotti all’avanguardia e attenti alla sostenibilità, che hanno resto Copma un’eccellenza a livello nazionale. Continuare oggi ad avere sul nostro territorio la sede di una cooperativa che dà lavoro a più di 1.700 persone in tutta Italia, di cui oltre 700 solo in provincia, è un orgoglio e un esempio per tutti”.

“Il territorio ferrarese ha subito profondi cambiamenti ambientali, sociali e culturali – ha dichiarato Gian Carlo Perego, Arcivescovo di Ferrara – Viviamo in un contesto non facile, segnato dalla pandemia. In questo contesto l’attività di Copma, che coniuga ambiente e salute, diventa di fondamentale importanza. Nell’opinione pubblica diventa sempre più chiara la connessione tra qualità dell’ambiente e salute, anche sul nostro territorio ferrarese. La contaminazione dell’ambiente è la più grande minaccia del ventunesimo secolo”.

***
COPMA nasce a Ferrara nel 1971 come cooperativa orientata alla fornitura di servizi a società e aziende pubbliche e private, con un forte radicamento sul territorio. Negli anni ha esteso il proprio raggio d’azione fino a raggiungere un carattere nazionale, grazie anche alla ricerca continua di strumenti e tecnologie all’avanguardia che ha consentito lo sviluppo di un know-how qualitativamente rilevante. L’azienda opera in tre ambiti principali: pulizia e sanificazione ambientale in grandi comunità (aziende sanitarie e ospedaliere, pubblica amministrazione e enti locali, ambienti industriali e commerciali, centri esposizioni, uffici); pest control (disinfestazione, pulizia e sanificazione dei condotti dei sistemi di trattamento dell’aria); manutenzione di aree verdi, impianti sportivi, strade e autostrade.