Decreto Sostegni Bis, fondo da 100 mln alla ristorazione collettiva. Andrea Laguardia: “Finalmente sostegno e riconoscimento al valore del settore”

Roma, 8 luglio 2021 – “Con l’istituzione del fondo da 100 milioni per le imprese della ristorazione collettiva viene finalmente erogato un concreto sostegno ad un settore che, più di altri, ha subito i danni derivanti dalle chiusure emergenziali, riconoscendo il valore che rappresenta quale servizio fondamentale per la collettività che, attraverso le mense, si occupa dell’alimentazione di bambini e ragazzi, pazienti delle strutture socio-sanitarie e lavoratori”. Il commento di Andrea Laguardia, Responsabile del Settore Ristorazione di Legacoop Produzione e Servizi, a seguito dell’approvazione, avvenuta oggi 8 luglio, dell’emendamento inserito dalla Commissione Bilancio della Camera all’interno del Decreto Sostegni Bis.

“La chiusura delle scuole per alcuni mesi e il ricorso massiccio allo smart working, che ha determinato la chiusura delle mense aziendale, hanno provocato uno shock economico-finanziario che le nostre cooperative non avevano mai vissuto nemmeno nei periodi più bui delle crisi economiche che il Paese ha attraversato. – sottolinea Laguardia – Cooperative storiche, che nel corso dei decenni hanno aumentato costantemente l’occupazione e il patrimonio, con il contributo di tutti i soci lavoratori, e che hanno chiuso i bilanci 2020 con perdite tra il 30% e il 40%”.

Le imprese della ristorazione collettiva aderenti a Legacoop Produzione e Servizi sono grandi cooperative labour intensive, caratterizzate da alti valori della produzione, da importanti numeri dell’occupazione e da bassi margini. Queste caratteristiche intrinseche al settore non hanno permesso di intercettare i precedenti provvedimenti emanati a sostegno delle imprese a causa dei limiti sul fatturato per l’accesso agli aiuti. Le cooperative hanno resistito facendo leva sul patrimonio accumulato, che ha permesso di non lasciare indietro nessuno, anche con azioni di solidarietà messe in campo dai lavoratori, come ad esempio l’anticipo della cassa integrazione.

Dall’inizio della pandemia – continua Laguardia – la ristorazione collettiva ha pagato il prezzo di non essere visibile, rispetto ad altri settori. Come Associazione ci siamo battuti con costanza affinché le imprese del settore ricevessero il giusto sostegno e riconoscimento, sanando questo iniquo trattamento.

“Ora, – conclude Laguardia, ringraziando le forze politiche che hanno ascoltato e sostenuto le istanze del settore – chiediamo al Ministero Dello Sviluppo Economico e al Ministero dell’Economia e delle Finanze, che hanno il compito di emanare il decreto attuativo, di istituire al più presto un tavolo di confronto per rendere attuabile quanto deciso nel Decreto Sostegni Bis”.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ALLEANZA COOPERATIVE SERVIZI E ANGEM