FILIERA COSTRUZIONI, RATING D’IMPRESA: NO A STRUMENTO PUNITIVO, SÌ A SISTEMA PREMIANTE - Legacoop Produzione Servizi
77962
post-template-default,single,single-post,postid-77962,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

FILIERA COSTRUZIONI, RATING D’IMPRESA: NO A STRUMENTO PUNITIVO, SÌ A SISTEMA PREMIANTE

Roma, 14 febbraio 2020 – Le Associazioni della filiera delle costruzioni con i servizi e le forniture (Ance, Anaepa Confartigianato, Assistal, Cna costruzioni, Confapi Aniem, Confcooperative, Legacoop produzione e servizi, Oice e Ucsi) esprimono un giudizio fortemente negativo sul documento di studio predisposto dall’Anac sul rating d’impresa, pensato per misurare la reputazione delle imprese.

L’impostazione che l’Anac sta dando al rating è inaccettabile” – denunciano le sigle datoriali delle costruzioni e dei servizi e delle forniture – “perché viziata, ancora una volta, dal pregiudizio nei confronti delle imprese del settore: si sta costruendo uno strumento di valutazione di fatto “penalizzante” e pertanto del tutto contrario allo spirito originario della legge delega”.

Il sistema di valutazione allo studio di Anac, infatti, non prevede requisiti oggettivi e misurabili né definitivi, principi base del rating d’impresa, lasciando ampia discrezionalità alle stazioni appaltanti, che sulla base di meri giudizi soggettivi possono determinare pericolose alterazioni della concorrenza e delle gare.

Pertanto, nell’attesa che si avvii una qualificazione dell’intero comparto delle costruzioni e dei servizi e delle forniture, stazioni appaltanti incluse, “bisogna puntare su un sistema premiante” – chiede la filiera – “in grado di determinare l’affidabilità dell’impresa esecutrice, valutando la reale capacità tecnica, professionale e organizzativa, la solidità patrimoniale, e la permanenza sul mercato”.