Il 9-10 giugno torna il Meeting annuale di Coopstartup

Dopo due anni torna il Meeting di Coopstartup. In presenza, perchè abbiamo bisogno di tornare a parlarci e a interagire faccia a faccia. Per due giorni a Ravenna si incontreranno i giovani imprenditori cooperativi di tutta Italia, dalla Calabria al Piemonte. Due giorni per lavorare insieme e individuare strategie utili a tutti per ripartire.

Le startup cooperative italiane si danno appuntamento a Ravenna, il 9 e 10 giugno. “Interazioni”, sarà questo il titolo del Meeting presso il Mercato coperto di piazza Andrea Costa. Un incontro a cui hanno già aderito 30 nuove cooperative per ragionare insieme su “Le startup cooperative e il futuro del Paese”.

Si partirà alle 14:00 del 9 giugno, con il saluto di benvenuti di Mario Mazzotti, presidente di Legacoop Romagna, e gli interventi del presidente di Legacoop Mauro Lusetti e del direttore generale di Coopfond Simone Gamberini. ERSE, I live in Vaccarizzo ed Experience racconteranno tre esperienze di startup “tra sostenibilità e partecipazione”.

Inizierà poi la prima sessione di “Coopstartup Jam Session: crescita, principi cooperativi, sostenibilità”, due laboratori partecipati per individuare strategie di crescita in un’epoca di grande incertezza, che in cinque diversi gruppi di lavoro impegneranno i partecipanti anche la mattina successiva.

Dalle 11.30 del 10 giugno, così, terminati i laboratori i coordinatori dei diversi gruppi riferiranno in plenaria confrontandosi sui risultati emersi con Simone Gamberini. Dopo l’intervento conclusivo del direttore generale di Coopfond e il buffet, inizierà il meeting conclusivo dedicato alle comunità energetiche cooperative, a cura di Coopfond con Legacoop Emilia-Romagna e Legacoop Romagna.

Alle 14.30, sempre al Mercato Coperto, si svolgerà l’incontro ‘Comunità̀ energetiche cooperative. Le azioni di Legacoop per promuoverle nel territorio regionale’, organizzato da Legacoop Romagna, insieme a Legacoop Emilia-Romagna e Coopfond, per approfondire gli aspetti legati alla promozione di comunità energetiche in forma cooperativa per la realizzazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili e il conseguente autoconsumo e la condivisione dell’energia prodotta.

Il convegno si inserisce nelle attività promosse da Legacoop Romagna volte a costituire entro il 2022 alcune comunità energetiche tra le sue associate con l’obiettivo di risparmiare sui costi energetici, ma anche di promuovere l’incremento di impianti da fonti pulite, siano essi solari, eolici o a biogas. L’iniziativa è a ingresso libero ma prevede una registrazione obbligatoria (collegandosi al link https://bit.ly/cecravenna).

Il programma prevede alle 15 i saluti di Michele de Pascale, sindaco di Ravenna, Simone Gamberini, direttore generale di Coopfond, e Mario Mazzotti, presidente di Legacoop Romagna. Alle 15.30 Matteo Serafini di Innovacoop parlerà di “Comunità̀ energetiche: caratteristiche e opportunità̀”, seguito alle 15.50 da Maurizio Delfanti, amministratore delegato di RSE S.p.A., che tratterà il tema “Comunità̀ energetiche: i possibili modelli di realizzazione e gli impatti del dl aiuti”.

Alle 16.10 Alessandro Ficicchia dell’ufficio legislazione di Legacoop Nazionale, si occuperà di “Le ragioni della scelta cooperativa per le comunità̀ energetiche: aspetti giuridici e fiscali”, mentre alle 16.30 prenderà la parola Paola Bellotti, direttrice area sostenibilità e sviluppo di Coopfond, per approfondire il tema Strumenti finanziari cooperativi a supporto delle comunità̀ energetiche”.

Le conclusioni, alle 16.50, saranno affidate al presidente regionale di Legacoop Giovanni Monti e al sottosegretario alla presidenza della giunta della Regione Emilia-Romagna Davide Baruffi. Coordina l’incontro Emiliano Galanti, responsabile di Legacoop Romagna per il progetto Comunità̀ energetiche.