Innovacoop parte del progetto PROLIFIC, tra i protagonisti di “Science is Wonderful! 2020”

Bologna, 29 settembre 2020– Tra i 40 progetti presenti alla fiera scientifica Science is Wonderful! 2020, promossa dalla Commissione europea in occasione delle Giornate europee della ricerca e dell’innovazione 2020, ci sarà anche PROLIFIC, un progetto europeo che coinvolge 17 partner di 10 paesi europei nella ricerca di soluzioni innovative per trasformare gli scarti dell’industria agro-alimentare in prodotti alimentari, mangimi animali, materiali per il packaging e cosmetici.

Il progetto PROLIFIC vede tra i suoi partner anche Innovacoop, che ha contribuito alla sua candidatura per l’evento. Science is Wonderful! 2020 si svolta dal 22 al 24 settembre ed è stata una vera e propria esposizione scientifica, aperta a tutti e online, per avvicinare il grande pubblico (scuole, giovani, cittadini, stakeholder, ecc.) al mondo della ricerca scientifica e far scoprire i progetti più innovativi a cui gli scienziati stanno lavorando in Europa e nel resto del mondo.

Attraverso la piattaforma online dell’evento è stato possibile parlare direttamente con i ricercatori, fare domande, scoprire nuovi prototipi ed osservare esperimenti scientifici.

Il progetto PROLIFIC, di cui è coordinatrice scientifica la professoressa Annalisa Tassoni, docente al Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Bologna, si pone come obiettivo quello di mettere a punto soluzioni tecnologiche e industriali per il recupero di proteine e altre molecole bioattive (come fibre e polifenoli) dagli scarti dell’industria agro-alimentare, in particolare delle produzioni di legumi, funghi e caffè.

Finanziato con oltre 4,5 milioni di euro dal Bio-Based Industries Joint Undertaking (BBI JU), partnership pubblico-privata tra l’Unione Europea (programma H2020) e il Bio-based Industries Consortium (BIC), PROLIFIC è coordinato dalla FHNW Università di Scienze Applicate ed Arti del Nordovest (Svizzera) e coinvolge 17 partner di cui – tra i partner italiani – Università di Bologna, Università di Parma, Innovacoop, illycaffè, Stazione Sperimentale per l’industria delle Conserve Alimentari e Femto Engineering.