Italcables, la coop degli operai ‘sbanca’ negli USA - Legacoop Produzione Servizi
77087
post-template-default,single,single-post,postid-77087,single-format-standard,qode-news-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Italcables, la coop degli operai ‘sbanca’ negli USA

Napoli, 13 novembre 2019 – “Piccoli grandi miracoli industriali di un Sud che non ti aspetti di trovare”. Sono quelli dei soci della cooperativa Italcables, un workers buyout che a Caivano, grazie anche al sostegno del Fondo mutualistico di Legacoop, ha fatto risorgere una fabbrica storica. Li torna a raccontare Il Mattino, in un ampio articolo pubblicato martedì 12 novembre a firma di Marco di Caterino.

A Caivano – racconta – 54 operai di una azienda sull’orlo del fallimento si sono rimboccati le maniche, hanno presidiato per tre anni l’azienda per evitare la spoliazione dei macchinari, e poi investendo di tasca proprio il Tfr e tutti gli assegni della cassa integrazione hanno acquistato l’azienda a meno di un mese dalla sentenza di fallimento. E da operai ora sono soci della Wbo Italcables Società cooperativa”.

La loro è una produzione di altissima qualità, che ha permesso loro di recente di aggiudirsi un bando internazionale sbaragliando la concorrenza tedesca, per la fornitura delle funi di acciaio che tengono sospeso a cento metri di altezza il «Bayonne Bridge», ponte sulla baia di New York, modificato nella sua struttura originale per far passare sotto i piloni le meganavi portacontainer.

Leggi tutto l’articolo