Assemblea Coop Industriali – L’appello delle cooperative al Governo: mettere in sicurezza il Paese

Bologna, 27 ottobre 2022 – Da una crescita del valore della produzione del 28% tra il 2020 e il 2021 ad una previsione di riduzione dell’occupazione, calo della domanda e investimenti stazionari.

È la fotografia del settore delle Cooperative Industriali aderenti a Legacoop Produzione e Servizi scattata dalla responsabile, Francesca Montalti, nel corso dell’assemblea che si è tenuta questa mattina a Bologna. Uno scenario di forte deterioramento del quadro economico, confermato anche da una recente indagine realizzata da Cooperazione Finanza Impresa (CFI) sui workers buyout nel proprio portafoglio, la maggior parte dei quali rappresentati da cooperative industriali. Dall’indagine emerge che il 68% delle imprese recuperate dai lavoratori è in difficoltà a causa della crisi energetica con la previsione di una perdita di bilancio per l’anno 2022 per il 33% di loro.

L’aumento dei costi energetici e la crisi creata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia hanno impattato pesantemente sulle imprese. Diverse cooperative industriali hanno dovuto fare i conti con la chiusura di mercati, interruzioni negli approvvigionamenti di materie prime, ulteriori aumenti dei costi del gas e dell’elettricità divenuti insostenibili, raggiungendo picchi dell’800% nel comparto della produzione della carta.

Le proposte del presidente Draghi sul Price Cap al prezzo del gas e il disaccoppiamento da quello dell’energia elettrica, si sono dovute misurare con interessi contrastanti a livello europeo e con un processo di negoziazione lungo e difficile. Occorre applicare urgentemente il pacchetto di misure previste a livello europeo perché il tempo a disposizione si è esaurito, avviando nel contempo le riforme strutturali del mercato dell’energia che nel medio-lungo periodo, insieme alle altre misure previste da RePower EU, ci aiuteranno ad affermare una nostra autonomia strategica dal punto di vista energetico – ha dichiarato Francesca Montalti – Al nuovo Governo chiediamo in via prioritaria di mettere in sicurezza il Paese: il quadro è drammaticamente compromesso. Occorre sostenere con forza la tenuta dei consumi delle famiglie, il loro potere di acquisto e, allo stesso tempo, proteggere l’impresa e il lavoro, estendendo gli aiuti in corso, sostenendo la liquidità delle imprese e i loro investimenti per scongiurare il rischio di recessione economica”.

Il settore delle cooperative industriali aderenti a Legacoop Produzione e Servizi è costituito da 274 imprese che danno lavoro a 15.500 addetti che, nel corso del 2021, hanno generato oltre 4 miliardi e 465 milioni di euro di valore della produzione. Le imprese operano in svariati comparti produttivi: la presenza più significativa delle cooperative è nel metalmeccanico. La fabbricazione dei macchinari è il comparto che genera anche il più elevato valore della produzione, circa il 38% del totale. La cooperazione industriale è presente su tutto il territorio nazionale ma è al Nord, soprattutto in Emilia-Romagna, che si concentra la quota più rilevante del valore della produzione (86% del totale) e dell’occupazione (73% del totale).

Nel corso dell’assemblea, che ha visto la partecipazione, tra gli altri, del presidente nazionale di Legacoop Mauro Lusetti, ed è stata conclusa dal presidente di Legacoop Produzione e Servizi, Gianmaria Balducci, sono state indicate le traiettorie di lavoro dell’associazione per il consolidamento e la crescita del comparto: rafforzamento delle filiere produttive esistenti, sviluppo di nuove catene del valore a supporto della transizione energetica e dell’autonomia strategica del Paese, internazionalizzazione, transizione digitale come fattore di attrazione dei talenti delle nuove generazioni, collaborazione tra cooperative, soprattutto PMI, e promozione di nuovi workers buyout.

L’esperienza originale della cooperazione industriale fondata sui principi della gestione democratica dell’impresa da parte dei propri lavoratori dimostra di essere uno strumento efficace, in grado di fornire una valida alternativa al modello capitalistico-speculativo che ha mostrato e continua a mostrare tutti i propri limiti – ha concluso Francesca MontaltiLa modernità di tale esperienza si concretizza nella capacità di assicurare che la transizione, oltre ad essere sostenibile dal punto di vista economico ed ambientale possa essere anche giusta, offrendo alle persone opportunità di lavoro dignitoso e di qualità, mettendole al centro dell’agire di impresa, sostenendo il benessere dei propri soci e lavoratori, investendo sull’innovazione e sulla crescita del territorio”.

Nonostante l’incertezza del periodo e le diversità che caratterizzano le imprese del comparto, la cooperazione industriale è accomunata da un’identità cooperativa, una medesima impostazione sia a livello valoriale che progettuale; le testimonianze portate dalle nostre imprese hanno fatto emergere che anche nei momenti più difficili dominati dall’incertezza, le cooperative, a prescindere dalla dimensione aziendale, sanno guardare avanti, in un’ottica di investimenti e progettualità di lungo periodo; questo approccio appartiene e contraddistingue pienamente il mondo cooperativo“, ha affermato il Presidente di Legacoop Produzione e Servizi Gianmaria Balducci.

Centralità della base sociale, analisi e ricerca applicate ai processi di sviluppo e alla costruzione di modelli organizzativi: è da qui che nasce il valore competitivo unico della cooperazione industriale“, ha affermato il Presidente di Legacoop Nazionale Mauro Lusetti.

L’Assemblea, introdotta dal direttore di Legacoop Produzione e Servizi Fabrizio Bolzoni e moderata dal giornalista di Rai News 24 Luca Gaballo, è stata aperta dai saluti del Vice Sindaco della Città metropolitana di Bologna Marco Panieri e del Presidente di Legacoop Emilia-Romagna Giovanni Monti.

Dopo la fotografia del comparto da parte della responsabile del Settore Industriale di Legacoop Produzione e Servizi Francesca Montalti, il Prof. Lucio Poma dell’Università di Ferrara e Capo Economista di Nomisma è intervenuto sul ruolo dell’Italia negli scenari internazionali.

A seguire la parola alle cooperative con le testimonianze di Silvano Carletto, Presidente Cartiera Pirinoli; Paolo Barbieri, Presidente CPL Concordia; Lorenzo Giornelli, Direttore Commerciale e membro CdA Ceramiche Noi; Paolo Mongardi, Presidente Sacmi; Erasmo D’Onofrio, CEO Cooperativa Fonderia Dante; Antonio Tanda, Presidente Isolex.

Nella seconda parte dell’Assemblea hanno portato il loro contributo ai lavori della tavola rotonda: Catia Bastioli, AD Novamont Spa; Simone Gamberini, Direttore Coopfond; Massimiliano Cesare, Presidente Mediocredito Centrale; Luciano Pero, MIP Politecnico di Milano; Giuseppe Padula, Country Manager Digital Twin Consortium, Boston; Mauro Lusetti, Presidente Legacoop Nazionale.

PROGRAMMA
COMUNICATO STAMPA
RASSEGNA STAMPA
SERVIZIO TGR EMILIA ROMAGNA (al min. 7.20)
SERVIZIO TRC BOLOGNA (al min. 6.35)
SERVIZIO TRC MODENA (al min. 1.58)
SERVIZIO TELE REGGIO – REGGIO ONLINE

GUARDA LA REGISTRAZIONE DELL’EVENTO: