Premio Innovatori Responsabili: menzione speciale al CNS per il Progetto Icaro

Roma, 12 dicembre 2019 – Con la forza di un metodo d’indagine sperimentato, risultano chiare e definite le risposte che si possono dare al tema dell’invecchiamento della popolazione. Il dato statistico diventa persona in carne e ossa con le sue esigenze e le sue potenzialità positive. Anche per la comunità.
Questa la motivazione della menzione speciale ricevuta dal CNS al Premio degli Innovatori Responsabili per il Progetto Icaro il 30 ottobre scroso a Ravenna.
Uno spazio, quello progettato per il CNS da 10 giovani studenti universitari, a misura di anziano, comunitario, sociale, tecnologico, in grado di generare interazioni.
Un cohousing moderno, con la persona anziana al centro, accompagnato da professionalità competenti come operatori socio-sanitari, mediatori sociali, psicologi.

Una sfida che i ragazzi hanno raccolto con entusiasmo e passione, lavorando attivamente insieme ad importanti aziende del territorio ( Il Mandorlo, Zero Cento, Formula Servizi alle persone, Proges) guidati attraverso un percorso formativo di eccellenza, completamente gratuito, e basato sulla metodologia del Design Thinking e su un approccio multidisciplinare, con lo scopo di dare risposte innovative a temi e sfide proposte dalle aziende coinvolte.
Il progetto è stato realizzato dal CNS con la Fondazione Golinelli, Almavicoo, Università di Bologna, Legacoop Bologna.

Ha ritirato il premio la Responsabile Sviluppo Cooperativo, Innovazione Sociale e Sostenibilità CNS Francesca ZarriSiamo molto soddisfatti per il riconoscimento che ci è stato dato dalla Regione Emilia-Romagna, questa menzione ha per noi un grande valore, da molto tempo stiamo mettendo al centro della nostra attività la sostenibilità e l’innovazione. Lo stiamo facendo aprendoci alle reti, nel caso di Icaro abbiamo avuto il piacere di lavorare su un tema, quello del futuro degli anziani sul quale si sono sperimentati dei giovani ragazzi che a poco più di vent’anni si sono spesi per immaginare un nuovo modello, più sostenibile, che metta al centro il benessere della persona anziana. Un modello nel quale crediamo fortemente sia come apertura all’innovazione e alla sostenibilità, sia per quello che riguarda il futuro dei servizi socio-assistenziali.”

Promosso dalla Regione Emilia-Romagna il Premio Innovatori Responsabili valorizza le attività produttive del territorio che attraverso le loro iniziative contribuiscono ad attuare gli obiettivi dell’agenda 2030 ONU.

L’intervista a Francesca Zarri alla premiazione