Rivista Pathogens: con il sistema di sanificazione PCHS® di Copma risparmi fino a 457 milioni di euro per la Sanità

Ferrara, 31 luglio 2020 – Sulla rivista Pathogens una recente pubblicazione scientifica dal titolo “A Probiotic-Based Sanitation System for the Reduction of Healthcare Associated Infections and Antimicrobial Resistances: A Budget Impact Analysis”, che ha visto coinvolte l’Università Bocconi di Milano, il Centro Ricerche CIAS dell’Università di Ferrara ed il Dipartimento di Medicina dell’Università di Udine, rivela che nel caso in cui il Sistema PCHS® – ideato da Copma, leader internazionale nella sanificazione ambientale e sanitaria – sostituisse interamente la disinfezione chimica tradizionale in tutti i reparti per acuti degli Ospedali italiani, i risparmi ammonterebbero a 320 milioni di Euro nei prossimi 5 anni solo per trattamenti farmacologici, risparmi che salirebbero a 457 milioni considerando anche i rimborsi assicurativi per le ICA gravi.

Dal punto di vista clinico, i risultati anche dopo il propensity-score matching, hanno confermato, come da precedenti pubblicazioni scientifiche, che il Sistema PCHS® è in grado di diminuire in maniera stabile gli agenti patogeni sulle superfici ospedaliere fino al 90%  rispetto alla sanificazione tradizionale che utilizza disinfettanti chimici senza indurre la selezione di ceppi resistenti ai farmaci, una riduzione del 48% delle ICA, un abbattimento dei geni di resistenza antimicrobica fino al 99%, una riduzione del consumo di farmaci antimicrobici del 60% con una riduzione dei costi associati del 79%”.

L’innovativo sistema di sanificazione PCHS®, basato su detergenti  eco-sostenibili contenenti selezionate spore di Bacillus, integra diversi fattori  fra i quali una tecnica di attivazione specifica per la competizione biologica, l’uso di specifici materiali in microfibra ed un controllo microbiologico del risultato del processo anche nelle aree a medio rischio. Il sistema PCHS® garantisce l’ottenimento di una bassa e stabile nel tempo carica potenzialmente patogena sulle superfici trattate.

LINK ALL’ARTICOLO ONLINE

SCARICA L’ARTICOLO PDF