Siglato l’integrativo aziendale di CPL CONCORDIA

Concordia, 29 giugno 2021 – E’ stato sottoscritto ieri l’accordo per l’integrativo aziendale tra CPL CONCORDIA e i rappresentanti di tutte le sigle sindacali.

Si tratta di un evento significativo, dato che l’ultimo accordo unitario di edilizia e metalmeccanica risaliva al 2001, mentre l’integrativo più recente con i metalmeccanici era datato 2008; la trattativa si è dilungata anche a fronte delle problematiche che hanno coinvolto CPL – il terremoto, le vicende giudiziarie e la pandemia – e avrà durata fino al 2024.

Uno dei punti salienti riguarda il premio di risultato che sarà riconosciuto ai lavoratori in forma di retribuzione variabile da collegare ad indicatori che esprimano il raggiungimento di obiettivi di produttività e redditività aziendale, in funzione dell’andamento effettivo della società basato sull’indicatore detto EBITDA e definito da appositi parametri stabiliti dal piano industriale sotteso all’accordo di risanamento con il Ceto bancario.

Ad obiettivo raggiunto, inoltre, ciascun dipendente potrà scegliere l’opzione Welfare, cioè se destinare tutto o il 50% del Premio di Risultato maturato per la fruizione tramite piattaforma web personalizzata di prestazioni di welfare aziendale.

Soddisfazione è stata espressa dal Direttore Generale di CPL Pierluigi Capelli, che ha così commentato: “L’accordo firmato oggi è rilevante per diversi aspetti: indica una condivisione importante delle strategie aziendali con le organizzazioni sindacali nei termini di sviluppo e riconosce l’impegno di CPL nella valorizzazione e tutela delle sue risorse umane”.

Nell’ottica condivisa di concezione dell’impresa come comunità solidale di persone la cui coesione si alimenta anche attraverso il sostegno di lavoratori tra loro colleghi è stata inoltre definita una “Banca ore solidale” che funzionerà mediante cessione di tempo retribuito quando essi debbano affrontare particolari problematiche: attraverso questa “banca” si potranno cedere ai colleghi in difficoltà le proprie ore di ferie o di permessi in una misura determinata dall’accordo specificamente siglato.

Inoltre, a fronte dei risultati raggiunti nel corso del difficile 2020, ogni dipendente riceverà un premio di 200 euro nella busta paga di luglio.